Elegia aleppina

Non c’è pace all’anima nostra, non c’è fossa in cui nascondere le salme. Non c’è anfratto cerebrale in cui resti memoria della Storia, non c’è stomaco per i nostri calici amari. Non c’è sazietà per i loro appetiti. Non c’è donna che non possa essere denudata davanti al marito. Non c’è donna denudata che non…

Continua a leggere

Inside Riscatto: «Colpire negli occhi, simbolo della sistematica pratica della violenza in Egitto»

Gad‘ yā Bāshā! Mutilalo, Capo! Beccalo nell’occhio! Se andate sulla rete, troverete un video amatoriale girato da uno degli ufficiali che ha incastrato Mohammed Sobhī as-Shennāwī, un giovane poliziotto che sparava ai dimostranti in via Mohammed Mahmūd, durante i violenti scontri del novembre del 2011. ≪Beccali negli occhi!≫ gli ripetono altri poliziotti. Il suo sguardo…

Continua a leggere

Inside Riscatto: «In Palestina, rivoluzione è fare un partito di sole donne»

Perché quello che è successo in Palestina dopo le rivoluzioni arabe è una forma di rivoluzione tutta particolare, al femminile. Prendiamo Hebron, che in arabo si chiama al-Khalīl, in onore del beneamato patriarca Abramo, sepolto, si dice, insieme ad altri patriarchi biblici nella città della Cisgiordania meridionale; una città di commercianti, divisa in due per…

Continua a leggere

Inside Italy: «Ci salvi il cinema»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Il Forum universale delle Culture, promosso ogni tre anni dall’Unesco, doveva essere un fiore all’occhiello della politica di internazionalizzazione di Napoli e celebrarsi nel 2013. Nel 2011, ne venne nominato presidente il cantautore Roberto Vecchioni, il quale si dimise dopo pochi mesi perché era tutto troppo…

Continua a leggere

Inside Riscatto: «L’idea di uno Stato dogmatico esteso dalla Cina al Marocco non esiste più»

Per an-Nahdha è il nono congresso, ma il primo in Tunisia; un evento storico, dunque, nel palazzo delle Esposizioni della capitale, tra hostess con velo azzurro e abito scuro e più di un migliaio di congressisti. Per entrare, Ilyēs il social-liberale e io abbiamo dovuto bleffare, prendendo l’ingresso del parcheggio posteriore, e intavolando lunghe spiegazioni…

Continua a leggere

Egitto, oltre il disastro

Articolo pubblicato per la rivista “Azione Nonviolenta”. Avevo partecipato ad Alessandria d’Egitto alla grandissima mobilitazione del 30 giugno scorso, forse la più grande manifestazione di protesta della storia moderna, all’apice di Tamarrud, una campagna che aveva raccolto più di 22 milioni di firme per chiedere il trasferimento dell’autorità presidenziale al Presidente della Corte costituzionale, la…

Continua a leggere

L’Egitto è più forte del suo esercito e della Fratellanza

Articolo apparso su BabelMed “Le forze armate non hanno potuto tapparsi le orecchie di fronte alle richieste del popolo”: con questa formula il comandante dell’esercito egiziano ʿAbdel Fattāh as-Sīsī ha giustificato la decisione di intervenire politicamente tre giorni dopo le massicce manifestazioni popolari del 30 giugno scorso, deponendo il Presidente Mohammed Mursī per sostituirlo ad…

Continua a leggere

Le Tenebre di Aleppo

Articolo pubblicato originariamente su “Una Città”  Il suo so­pran­no­me è “Black Eyes”. Ha 21 an­ni e ha ade­ri­to al­l’E­ser­ci­to li­be­ro si­ria­no do­po che le au­to­ri­tà ave­va­no per­so la pa­zien­za con ra­gaz­zi co­me lui, che con­ti­nua­va­no a ma­ni­fe­sta­re per la li­ber­tà e la ca­du­ta del re­gi­me. “Al­lah, Si­ria, li­ber­tà e ba­sta!”, can­ta­va­no, pa­ra­fra­san­do il mo­ni­to del­le…

Continua a leggere

Rivoluzione egiziana: la società civile e la partita del potere

(pubblicato su Osservatorio mediterraneo, dell’Istituto Paralleli, Torino, gennaio 2013) Una cosa è certa: senza una società civile attenta, attiva e se necessario rumorosa, le richieste per maggiori diritti e libertà avanzate dai giovani della rivoluzione del “25 Gennaio” non troverebbero attenzione tra i decisori del momento. Ovvero: il Palazzo si muove quando la Strada parla.…

Continua a leggere