Siria, il discorso del miliardario

Da un compound superprotetto, circondato da lastroni di cemento incastrati in modo identico a quello del Muro di segregazione israeliano, e serrato da cancelli di ferro e sbarre pesanti quanto un fuoristrada, a Kabul, questa mattina, ascoltavo l’intervento del presidente Trump sull’attacco all’aeroporto militare siriano. In Italia, iniziava la giornata. Provavo strane impressioni: si trattava…

Continua a leggere

Lettre depuis Mars

Mon cinquantième anniversaire est arrivé. J’ai entendu dire que certains dans un jour pareil ferment la porte de leur maison à clef et ne sortent pas. D’autres, par contre, organisent de grands banquets qui resteront dans les annales. Personnellement, j’ai pensé de vous écrire une lettre. J’ai réfléchi sur quelle langue utiliser, et j’ai pensé…

Continua a leggere

Inside Italy: «Tra Sassari e Olbia: i nemici, non sono i forestieri»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Avevo appena lasciato la Sardegna, dove mi ero spostato sulla direttrice Sassari-Olbia per ben quattro volte in tre giorni, tre volte percorrendola in treno, e una volta in auto. Sto parlando della Statale 597 Sassari-Olbia, la cui lunghezza è di circa ottanta km, e che è…

Continua a leggere

Inside Italy: «Di ritorno da Napoli, aspettando il referendum!»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Vi racconto di una giornata passata a Napoli, la città più imprevedibile e generosa d’Italia. Al Complesso Universitario di Monte Sant’Angelo, con il prof. Renato Briganti, docente di diritto costituzionale, parliamo di democrazia e Medioriente. Oggi, 21 marzo 2016, l’Università Federico II ha sospeso le attività…

Continua a leggere

Inside Riscatto: «Organizzarsi oltre frontiere e differenze, questo ci auguriamo per il 2016!»

≪Se abbiamo imparato da Tunisi e dal Cairo che la questione del potere può porsi d’improvviso, nel giro di pochi giorni, dalla Sinistra latino-americana abbiamo imparato che la risposta a questa questione richiede decenni.≫ Questo stava scritto su un volantino diffuso da uno dei gruppi che avevano convocato Blockupy Frankfurt 2013. Ebbene, la tappa successiva…

Continua a leggere

Pour battre l’Etat islamique il faut abattre le régime syrien

Je suis d’accord avec le Président de la République française: les attaques terroristes de Paris du 13 novembre dernier sont un acte de guerre. Nous sommes tous profondément bouleversés et attristés. L’État islamique, dans le communiqué diffusé en son nom le lendemain, mentionne la Syrie, reliant ainsi l’opération du commando parisien à l’intervention de l’aviation…

Continua a leggere

Per battere lo Stato islamico bisogna rimuovere il Regime siriano

Sono d’accordo con il presidente della Repubblica francese: gli attacchi terroristici del 13 novembre scorso a Parigi sono un atto di guerra. Siamo tutti spaventati e profondamente addolorati. Lo Stato Islamico, nel comunicato diffuso a suo nome il giorno seguente, cita la Siria, collegando dunque l’operazione del commando parigino all’intervento dell’aviazione francese in Siria. In…

Continua a leggere

Inside Italy: «Tout ce qui monte converge!»

 L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». In quella caserma venivano torturati i partigiani. «Quando ero bambino, ricordo che dalle vie laterali e dalle finestre del vicinato si sentivano le grida di dolore provenienti dalla caserma; sapevamo che qualcosa di terribile succedeva là dentro» racconta uno degli abitanti del quartiere in età di…

Continua a leggere