La pacchia è finita

La tristezza è quella di vedere chi gioisce, defunte anime con cravatta di ottima fattura, mentre si esaltano saltando nel pozzo affascinante del “menefreghismo”, un drappello di parlamentari con uno striscione con su scritto: “La pacchia è finita”. Davanti a Montecitorio, affiancati dal Giullare dell’Interno, che si esibisce in esternazioni roboanti e assalti  di risata.…

Continua a leggere

La Porta per l’inferno

A metà luglio, Andrej Babis, Il primo ministro della Repubblica Ceca, commentava la richiesta dell’Italia agli Stati dell’Unione europea di prendere alcuni dei 450 migranti in attesa al largo di Pozzallo, avendo le autorità italiane negato l’accesso al porto, nei termini seguenti: «È la strada verso l’inferno». Aveva aggiunto che il suo Paese non avrebbe…

Continua a leggere

Les Français vus depuis l’Italie à l’époque du populisme. Et vice versa.

Il y a quelques jours, après que le ministre de l’Intérieur italien Mr Salvini eut bloqué l’accès aux ports italiens du navire de secours Aquarius, qui transportait plus que 600 immigrés récupérés en plein mer, le porte-parole de La République en Marche, Mr Attal, a qualifié la décision italienne avec une expression décidément vigoureuse : « À…

Continua a leggere

Verso una cittadinanza mediterranea: l’esperienza SabirMaydan

Ospitiamo un contributo della mia amica Lisa Ariemma [*] su SabirFest 2017 e sul processo Sabir Maydan. Come figlia di emigrati italiani in Canada, Lisa legge la nostra contraddittoria relazione con la vicenda migratoria, costringendoci a pensare oltre le inquietudini del presente, ma forti della storia di mescolanze che ci caratterizza.   Attraverso la storia, lo…

Continua a leggere

Incendi, salvataggi in mare e senso dello Stato: un’estate italiana

Ci sono due fenomeni che hanno devastato anima e corpo dell’Italia quest’estate: da un lato la piaga degli incendi boschivi, d’altro lato il dilemma dei salvataggi in mare. Da un lato muoiono animali, piante e paesaggi, d’altro lato muoiono persone, mentre il Paese resta dilaniato da polemiche, accuse incrociate di responsabilità, provocazioni, nonché da malcelate…

Continua a leggere

Salonicco ed i suoi profughi

Pubblicato su Osservatorio Balcani Caucaso il 6 settembre 2016: http://www.balcanicaucaso.org/aree/Grecia/Salonicco-ed-i-suoi-profughi-173928) Come sono organizzati, chi ci lavora, quali le aspettative di chi è obbligato ormai da mesi a risiedervi. Un viaggio nei campi profughi della Grecia. Fuori città Immaginate un’immensa periferia di prateria gialla, bruciata dal sole di fine agosto; un incrocio di vie e stradoni…

Continua a leggere

Inside Italy: «Tout ce qui monte converge!»

 L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». In quella caserma venivano torturati i partigiani. «Quando ero bambino, ricordo che dalle vie laterali e dalle finestre del vicinato si sentivano le grida di dolore provenienti dalla caserma; sapevamo che qualcosa di terribile succedeva là dentro» racconta uno degli abitanti del quartiere in età di…

Continua a leggere

Inside Italy: «Il teatro ci aiuta a ricollocare le frontiere che ci circondano»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». SenzaConFine, festival delle frontiere. Questa è la rassegna nella quale mi ritrovo al Teatro comunale di Pergine. Pergine è il più grande comune della Valsugana, con più di ventimila abitanti, il terzo della provincia autonoma dopo il capoluogo e Rovereto. Ventimila non sono forse un granché,…

Continua a leggere

25 aprile 2015: del fascismo travestito di razzismo

Settant’anni fa, l’Italia si liberava del giogo nazifascista dopo un’acerrima resistenza da parte delle forze partigiane e l’intervento delle forze alleate. Fu la più grande prova di maturità civile e democratica del popolo italiano nella storia contemporanea. Usciva sconfitto un regime che aveva sposato ideologie di primato razziale. Il 5 agosto del 1938 compare nelle…

Continua a leggere