Il governo del cambiamento

Uno come me non dovrebbe fare il commentatore politico, ci sono già gli editorialisti e i conduttori televisivi. Gli aggiornamenti sulla cronaca politica sono copiosi, e sappiamo persino chi entra prima e da quale porta, e chi esce dopo e con che faccia dal Pirellone. Molti amici militanti seguono le negoziazioni ora dopo ora, aggiornandoci…

Continua a leggere

Infiltrato!?

Questo è un comunicato. Il Comunicato n. 1, forse. E lo scrivo per spiegare ad amici e conoscenti che hanno saputo della mia autocandidatura alle Parlamentarie M5S 2018 e hanno manifestato il loro sostegno, come sia andata. Mi hanno escluso dalla competizione prima ancora che questa aprisse i battenti. La mattina del 16 gennaio 2018,…

Continua a leggere

A Barcellona qualcuno sogna la repubblica, e non se ne può fare una colpa

Quanto sta succedendo in Catalogna non rimette solo in discussione il principio della indissolubilità dello Stato-Nazione, ma anche quello di autodeterminazione popolare. Di fronte ad un movimento che rivendica il diritto a votare sulla propria identità nazionale e sulla sua traduzione istituzionale, si è scatenata la reazione internazionale di tutte le cancellerie, dei partiti storici…

Continua a leggere

Ankara-Paris, aller-retour

Quelle semaine ! Vote en Turquie, puis en France, deux pays déterminants pour l’avenir de l’Europe. Hier, je suis resté à la maison pour suivre les résultats des élections présidentielles françaises, et déjà en lisant les unes des journaux italiens, on avait l’impression que la France était en guerre. La Repubblica encore hier matin, 23 avril,…

Continua a leggere