Inside Italy: «Della grande bellezza: il barcone e il Verano»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Per trovare la «Grande bellezza» a Roma, quella delle pietre tranquille e degli spazi silenziosi, ora che dopo la celebrazione dell’Oscar i mezzi di comunicazione e la pubblicità ci lasciano in pace, bisogna scendere sotto il piano della strada. Uscendo dalla stazione della metropolitana di p.zza…

Continua a leggere

Inside Italy: «L’isola un poco infelice»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». La regione autonoma Trentino Alto-Adige è un’isola felice. Secondo l’Istat, il tasso di disoccupazione è del 5,1% e il reddito medio pro-capite di 20,750 € (rispettivamente il più basso e il settimo d’Italia; dati 2013). Basta passeggiare nel centro, lasciata la stazione ferroviaria dove vengono annunciati…

Continua a leggere

Inside Italy: «Piove, Governo ladro!»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Umberto ha aperto la bottiglia dell’aceto. Sul pezzo di cielo sopra casa sua le velature di nubi non offuscano l’azzurro terso di metà marzo. Funziona, secondo lui. Come? «Semplicemente, in alcune circostanze ripetibili accade. Il nome del metodo, Meta-Flak, è più complesso dell’esperimento stesso, che in…

Continua a leggere

Inside Italy: «La Nonviolenza deve servire le aspirazioni all’autodeterminazione dei popoli»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Il Movimento Nonviolento ha cinquantadue anni. Ispiratosi all’esempio e al pensiero di Aldo Capitini (1899-1968), religioso, antifascista, vegetariano, nonviolento, il Movimento ha la sua sede a Verona. Alla presentazione del libro nella sede siamo solo in una dozzina di persone, ma tutti acquistano un libro. Il…

Continua a leggere

Inside Italy: «L’ora delle Sorelle»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Mentre mi appresto a coricarmi, nella stanza solitamente riservata ai vescovi, trovo sulla scrivania le riviste della comunità: Vita Nuova. Il sottotitolo dice: «Per una presenza evangelica del femminile». Su un numero del 2013, appare una foto a tutta pagina della Porta d’Europa forgiata dall’artista Mimmo…

Continua a leggere

Inside Italy: «Noi siamo»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Arrivo alla Formazione Quadri Terzo Settore un poco in ritardo, dopo aver perso un treno a Roma la mattina presto perché ho atteso un autobus che mi portasse alla metropolitana di Agnanina da una periferia per più di mezz’ora, mentre faceva ancora buio. La Formazione, organizzata…

Continua a leggere

Inside Italy: «Perché non fai un altro libro?»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Marcello, amico calabrese sposato ad una ragazza di Salamanca, mi aveva spifferato l’idea nell’orecchio. «Perché non fai un altro libro sulle cose che vedi e le persone che incontri presentando “Riscatto mediterraneo” in giro per l’Italia»? Subito gli avevo risposto frettolosamente che ci vuole tempo e…

Continua a leggere

Non ci resta che il Mediterraneo

Articolo pubblicato per il Corriere dell’Immigrazione. Che dire ora che tutto è stato detto su questa tragedia? Ora che hanno pianto lacrime amare soccorritori e lampedusani (e lacrime teatrali alcuni rappresentanti istituzionali)? Il minimo che si possa chiedere è che si apra un canale di accoglienza rapida e incondizionata per chi fugge dalle guerre e…

Continua a leggere

Egitto, oltre il disastro

Articolo pubblicato per la rivista “Azione Nonviolenta”. Avevo partecipato ad Alessandria d’Egitto alla grandissima mobilitazione del 30 giugno scorso, forse la più grande manifestazione di protesta della storia moderna, all’apice di Tamarrud, una campagna che aveva raccolto più di 22 milioni di firme per chiedere il trasferimento dell’autorità presidenziale al Presidente della Corte costituzionale, la…

Continua a leggere

L’Egitto è più forte del suo esercito e della Fratellanza

Articolo apparso su BabelMed “Le forze armate non hanno potuto tapparsi le orecchie di fronte alle richieste del popolo”: con questa formula il comandante dell’esercito egiziano ʿAbdel Fattāh as-Sīsī ha giustificato la decisione di intervenire politicamente tre giorni dopo le massicce manifestazioni popolari del 30 giugno scorso, deponendo il Presidente Mohammed Mursī per sostituirlo ad…

Continua a leggere