Inside Italy: «Tra Sassari e Olbia: i nemici, non sono i forestieri»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Avevo appena lasciato la Sardegna, dove mi ero spostato sulla direttrice Sassari-Olbia per ben quattro volte in tre giorni, tre volte percorrendola in treno, e una volta in auto. Sto parlando della Statale 597 Sassari-Olbia, la cui lunghezza è di circa ottanta km, e che è…

Continua a leggere

Inside Italy: «Di ritorno da Napoli, aspettando il referendum!»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Vi racconto di una giornata passata a Napoli, la città più imprevedibile e generosa d’Italia. Al Complesso Universitario di Monte Sant’Angelo, con il prof. Renato Briganti, docente di diritto costituzionale, parliamo di democrazia e Medioriente. Oggi, 21 marzo 2016, l’Università Federico II ha sospeso le attività…

Continua a leggere

Inside Italy: «Partire, rientrare, e quell’aria dell’Outremeuse»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Liegi è una città attraversata dalle maestose acque della Mosa. Al centro, il fiume forma un’isola, su cui si trova il vivace quartiere dell’Outremeuse, l’Oltre Mosa. È in una delle vecchie case del quartiere che ha la sua sede L’aquilone, un’associazione creata dagli immigrati italiani, soprattutto…

Continua a leggere

Inside Italy: «L’insostenibile leggerezza della città ideale»

L’Italia che incontro attorno alle presentazioni di «Riscatto mediterraneo». Sabbioneta nacque come città ideale, sogno di Vespasiano Gonzaga Colonna, che la edificò nella seconda parte del XVI secolo. Tuttora, il borgo rinascimentale conserva la sua struttura esagonale, racchiusa dentro perfette mura di cinta che organizzano la distribuzione dei suoi corpi urbani con rigore e armonia,…

Continua a leggere

Inside Italy: «Hopes were not supposed to be: Messina after the Sabir Maydan»

Special issue: When Sicily challenges the narrative of the end of Mediterranean hopes Kanaltürk and Bugün, two Turkish independent TV channels are closed by the police on October 28, with the accusation of fomenting terrorism (but apparently, the two channels were investigating the corruption inside Mr. Erdogan’s party). Five days earlier, a court of Istanbul…

Continua a leggere